Alice in italiano: le mille e una traduzione del libro

~ L’articolo inizia nella pagina precedente!

6) Traduzione di Luigi Lunari

Alice cominciava a essere proprio stufa di starsene lì seduta sull’argine con sua sorella, senza far niente; un paio di volte aveva sbirciato il libro che sua sorella stava leggendo, ma non c’erano né figure né dialoghi: “E a che cosa serve un libro,” pensò Alice, “senza figure e senza dialoghi?”.

Così stava domandandosi, dentro di sé (per quanto le fosse possibile, dato che il gran caldo le aveva fatto venir sonno e l’aveva un po’ intontita) se il piacere di fare una coroncina di margherite valesse la pena di alzarsi e di andare a raccoglierne, quando improvvisamente un coniglio bianco con due occhi rosa le passò davanti correndo.

Edizioni: Feltrinelli

7) Traduzione di Silvio Spaventa Filippi

Alice cominciava a sentirsi assai stanca di sedere sul poggetto accanto a sua sorella, senza far niente: aveva una o due volte data un’occhiata al libro che la sorella stava leggendo, ma non v’erano né dialoghi né figure, – e a che serve un libro, pensò Alice, – senza dialoghi né figure?

E si domandava alla meglio, (perché la canicola l’aveva mezza assonnata e istupidita), se per il piacere di fare una ghirlanda di margherite mettesse conto di levarsi a raccogliere i fiori, quand’ecco un coniglio bianco dagli occhi rosei passarle accanto quasi sfiorandola.

Seconda traduzione italiana (1914)

8) Traduzione di Adriana Valori-Piperno

Alice cominciava a non poterne più di starsene seduta accanto alla sorella, sulla riva del fiume, senza far niente: un paio di volte aveva dato un’occhiata al libro che la sorella stava leggendo, ma non c’erano figure né storielle, “e a che serve un libro”, pensò Alice, “se non ha figure né storielle?”.

Cominciò allora a considerare tra sé (per quanto era possibile, perché la giornata molto calda la faceva sentire assonnata, intontita) se valesse la pena alzarsi e raccogliere un po’ di margherite, tanto per il piacere di intrecciare una coroncina. Quand’ecco che improvvisamente le passò accanto di corsa un Coniglio Bianco con gli occhi rosa.

Edizioni: Newton Compton

Differenze di penna in penna

Avete visto come poche righe possano cambiare notevolmente di penna in penna? Dove siedono Alice e la sorella, sulla riva del fiume o su una panchina? Il Coniglio le passa davanti o accanto, così vicino da sfiorarla o meno?

Questo articolo però è incompleto… mancano le vostre voci! Con quale traduzione siete cresciuti? E quale tra quelle proposte (e non) amate di più? Non vedo l’ora di leggervi!

A presto con un nuovo articolo qui su Carrollpedia!

◄ Articolo precedente

Articolo successivo ►

2 Commenti

  1. Io ho letto la traduzione di Alfonso Galasso e Tommaso Kemeni

  2. Feltrinelli, con testo a fronte in lingua originale

Lascia un commento